alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkusp-deliveryusp-free-returnsarrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
Style / agosto 2021
Danielle Rines, Reebok Editorial

La nuova collezione Human Rights Now! di Reebok pensa ai diritti umani

La collezione Reebok Human Rights Now! si ispira allo stile heritage e rappresenta il cambiamento necessario nella società di oggi.

Immaginati questa scena: è il 1988 e sei in mezzo a una folla di persone per un concerto mondiale in cui si esibiranno artisti di fama internazionale. La musica risuona dagli speaker, ti stai divertendo come non mai, e hai anche preso parte a una buona causa. Ora sei pure molto più informato sulle violazioni dei diritti umani di tutto il mondo e stai anche prendendo parte a un nuovo movimento che promuove la consapevolezza e il cambiamento. Proprio un gran bel concerto, eh? Questi erano solo alcuni degli obiettivi dei Human Rights Concerts.
 
Il tour mondiale di Human Rights Now! è durato sei settimane, ha toccato cinque continenti, quindici paesi con venti date nel 1988. Questa serie di concerti di beneficenza è riuscita ad aumentare la visibilità sia della Dichiarazione universale dei diritti umani (nel 1988 è stato festeggiato il 40° anniversario) che dell'operato di un'organizzazione che opera in ambito umanitario nota a livello internazionale. Il tour vedeva protagonisti vari artisti e band famose che raramente si sarebbero potute vedere tutte insieme. Tutto ciò è stato possibile solo grazie a una donazione da parte della Reebok Foundation.
 
HRN4 Foto: Reebok Archive
 
A supporto del gruppo United Against Racism e per celebrare il ritorno dei Reebok Human Rights Awards, Reebok ha deciso di riproporre la Human Rights Now! Collection: una collezione che richiama le grafiche della serie di concerti tenuti nel 1988. “Reebok e gli organizzatori del concerto concordavano sul fatto che il messaggio relativo ai diritti umani dovesse rimanere il focus principale,” afferma la direttrice del Reebok Archive e leader del Human Rights Commitment 2020-2021, Erin Narloch. “Il marketing e il merchandise legati all'evento si sono concentrati maggiormente sull'aspetto legato ai diritti umani.” La nuova collezione include delle grafiche sulle sneakers con un messaggio nella parte interna della linguetta e materiali raffinati.Reebok donerà 270 mila dollari all'organizzazione non-profit RISE, che si impegna nel combattere le discriminazioni sociali e nel promuovere l'uguaglianza nell'ambito delle comunità sportive.

Reebok e gli organizzatori del concerto concordavano sul fatto che il messaggio relativo ai diritti umani dovesse rimanere il focus principale.

Per Carmen Hardaway, direttrice di Product of Human Rights Now! di Reebok, la collezione Human Rights Now! è solo il primo passo verso un impegno sempre più significativo da parte del brand in ambito sociale. “Questa collezione è davvero unica,” afferma. “Ci rappresenta appieno come un brand con un'anima e che ha qualcosa da dire. Un brand che si impegna e lotta per il rispetto dei diritti umani di comunità che sono state vittime di discriminazioni da troppo tempo. Dimostriamo concretamente il nostro impegno nella lotta per l'uguaglianza attraverso le storie che raccontiamo con la collezione Human Rights Now! così come con la donazione di 10 milioni di dollari per le comunità nere.”
 
Il tour mondiale di Human Rights Now! puntava sui giovani e su paesi che normalmente non avrebbero ospitato eventi di quella portata. Il tour non era stato pensato solo per raccogliere fondi e far conoscere meglio le violazioni dei diritti umani. Presero parte ai concerti anche attivisti per i diritti umani ed ex detenuti, inoltre si tenevano anche delle conferenze stampa prima delle esibizioni. All'epoca, i media avevano messo in luce il caso di persone che si trovavano costrette a fuggire dal loro paese a causa di violazioni dei diritti umani e venivano condotte campagne contro le torture e le uccisioni politiche. Reebok è riuscita a dare risalto a queste problematiche importanti.
 
HRN2 Foto: Reebok Archive
 
Carmen Hardaway afferma che riproporre la collezione Human Rights Now! è un'affermazione della volontà del brand di proseguire in quella direzione, cercando di lanciare anche un messaggio importante attraverso i prodotti. “Vogliamo anche aumentare il livello di cooperazione con varie community di background differenti,” aggiunge. “In quanto donna di origine africana che ha lavorato per oltre 20 anni in questo settore, posso dire che questa collezione punta molto sull'aspetto sociale. Stiamo mostrando il nostro supporto e la nostra solidarietà alle comunità nere anche tramite donazioni e reintroducendo la Human Rights Now! Collection, la mia speranza è che il consumatore percepisca il nostro coinvolgimento a tutti i livelli e si senta invogliato a partecipare.”

“In quanto donna di origine africana che ha lavorato per oltre 20 anni in questo settore, posso dire che questa collezione punta molto sulla partecipazione attiva alla lotta per i diritti umani.

Il supporto per l'uguaglianza sociale e la difesa delle comunità emarginate che non hanno voce è ancora una questione molto attuale oggi. Esistono ancora molte discriminazioni e non tutte le persone hanno gli stessi diritti e libertà fondamentali. Senza il raggiungimento di queste condizioni di uguaglianza, non è possibile progredire nella società. La scelta di riproporre la Human Rights Now! Collection è un modo per ricordare un momento importante in cui le persone si sono unite per una causa comune e anche per spronare le persone a continuare in questa direzione.
 
HRN1
 
“Si tratta di una collezione molto importante per il messaggio che vuole comunicare,” afferma Narloch. “Human Rights va oltre i confini geografici, le nazionalità, il pensiero politico, le lingue e le credenze personali riuscendo a unire tutte le persone per la causa universale dei diritti umani. Se crediamo nel rispetto dei diritti umani e delle differenze di ognuno di noi, sicuramente faremo parte di una società più equa a livello globale. Per raggiungere questo obiettivo, ognuno deve fare la sua parte per supportare la questione dei diritti umani. È sicuramente un grande obiettivo, ma passo dopo passo si può raggiungere.”
 
Se alcune voci non vengono ascoltate in mezzo a tutto il rumore, diventa ancora più importante fare qualcosa per dare voce a chi non viene ascoltato e trasmettere un messaggio di uguaglianza sociale. La lotta per i diritti umani in tutto il mondo richiede ancora molti sforzi, ma vale la pena continuare a impegnarsi e lottare per ciò in cui si crede.
Style / agosto 2021
Danielle Rines, Reebok Editorial