Icons/Social/GoogleCreated with Sketch.
Studio / febbraio 2020
Melanie Wong, Reebok Contributor

Il pilates aiuta a migliorare la performance sportiva

Dai giocatori di baseball alle star del basket, gli atleti professionisti stanno cominciando a praticare sempre di più il pilates per migliorare la forza, la concentrazione e per prevenire gli infortuni. Scopri i benefici di questa attività cross-training.

Se ti sei mai chiesto con cosa integrino il loro allenamento gli atleti professionisti, la risposta potrebbe sorprenderti. Il pilates, quella disciplina tanto amata da tua mamma, sta conquistando anche gli atleti professionisti grazie alla possibilità di rafforzare il core mentre migliora il range di movimento e la flessibilità.

Una volta era considerata una tecnica di nicchia utilizzata solamente dai ballerini ma ora è diventata molto popolare soprattutto dopo che così tanti atleti di alto livello sono diventati suoi discepoli. “Il pilates può migliorare la performance atletica in qualsiasi tipo di sport,” afferma Sean Vigue, l'istruttore che ha realizzato i workout "Sean Vigue Fitness" su YouTube e l'autore di "Pilates for Athletes". “La tecnica si focalizza sul core, il pavimento pelvico , i glutei, le anche e la spina dorsale, che devono essere forti per poter ottimizzare i movimenti in ogni tipo di sport.”

Pilates_Top

Visti i benefici che apporta, vale davvero la pena praticare il pilates. In particolare come integrazione alla corsa, al calcio o a qualsiasi altro tipo di sport, è semplicemente perfetto. Ecco tre modi in cui il pilates ti può far diventare un atleta ancora più completo.

Molti sport prevedono movimenti ripetitivi (swing, swing, swing; piede destro, piede sinistro, piede destro, piede sinistro), che fa sviluppare troppo alcuni muscoli mentre gli altri si irrigidiscono. Quando un muscolo diventa dominante, questo crea degli squilibri nel corpo che possono portare a degli infortuni,” afferma Vigue.

Il pilates è un ottimo modo per contrastare alcuni di questi movimenti ripetitivi. “Per esempio, lavoro a contatto con molti runner, e loro tendono ad avere quadricipiti e tendini in tensione,” afferma Vigue. “Inoltre, i contraccolpi derivanti dalla corsa possono far comprimere la tua spina dorsale, e di conseguenza le spalle tenderanno a incurvarsi. Il pilates aiuta ad allungare i quadricipiti e i tendini, a mantenere una postura corretta e ad aprire il petto per migliorare la respirazione.”

Il pilates si focalizza anche sulla postura, l'equilibrio e il core, con particolare enfasi sul core, come afferma Lara Shapiro, un'istruttrice di pilates che insegna nel Colorado. L'uso degli addominali si traduce in movimenti più potenti e bilanciati. “Quando pratichi regolarmente il pilates, diventi più consapevole della parte centrale del corpo e di conseguenza anche della tua postura,” spiega Vigue. “Incide sulla maniera in cui corri nel campo da basket e sull'allineamento mentre sollevi i pesi. È la stessa differenza che c'è tra lo stare seduto ben bilanciato sul sellino della bici invece di continuare ad armeggiare con il manubrio.”

2. Aumenta la concentrazione

Il pilates giova allo spirito, ha un effetto energizzante e allevia le tensioni , e dato che la sua tecnica si basa sulla respirazione e sulla consapevolezza interiore, può aiutare gli atleti a mantenere la concentrazione a un livello molto elevato soprattutto durante una gara o una competizione.

Pilates_Pants

Un grande vantaggio di questa attività sta nel fatto che gli esercizi sono stati pensati per energizzare e non per stancare i muscoli, quindi va a integrare lo sport o il workout che pratichi regolarmente. “La cosa migliore del pilates è che coinvolge la mente, il corpo e lo spirito, così non solo rafforzerai il tuo corpo ma aumenterai il livello di energia ed eviterai il burnout. Questo è importante per tutti, non solo per gli atleti” afferma la Shapiro.

3. È ideale per il riscaldamento e defaticamento

Il pilates può rappresentare esso stesso un workout, ma puoi utilizzare anche alcuni dei movimenti per un gioco o una gara. The Hundred, un classico esercizio di pilates, prevede lo stare seduti sul pavimento e rafforzare il core mentre alzi le gambe e le inclini indietro in modo che il corpo abbia una forma a V. Allungando le braccia in avanti e verso il pavimento con i palmi rivolti verso il basso, fai dei molleggi su e giù per 100 volte. Così attivi il core e riscaldi anche i polmoni.  

Pilates_Shorts

Altri esercizi di pilates possono essere utilizzati per defaticare il corpo e rallentare il battito cardiaco. Esercizi come il Roll-Up, specifico per gli addominali, eseguito con le braccia sopra la testa, seguito da flessione in avanti fino ad arrivare ad allungare i tendini, aiuta ad alleviare la tensione e a migliorare la flessibilità della spina dorsale, riducendo le probabilità di dolori muscolari dopo il workout . Allo stesso tempo, fa lavorare il core, particolarmente utile dopo un workout come lo spinning, afferma Vigue, perché gli addominali spesso non vengono più attivati dopo una lunga sessione sulla bici.  

Per provare il pilates, dai un'occhiata alle lezioni nelle palestre vicino a te o in centri fitness: È più facile con un istruttore, fino a che non impari le varie pose del pilates. L'abbigliamento ampio può essere fastidioso durante alcuni dei movimenti, quindi è meglio scegliere un top aderente e dei tight comodi o degli short più lunghi  .

Link collegati:

Sì, dovresti allenare i tuoi muscoli pelvici. Ecco perché.

Danai Gurira on Prioritizing her Health, Using Her Voice, and More

SOS muscoli in fiamme. Come alleviare i dolori muscolari dopo un workout

Prodotti e servizi collegati:

Short CrossFit Epic Cordlock

Tight Studio Mesh

T-shirtOne Series Burnout Long Sleeve

Studio / febbraio 2020
Melanie Wong, Reebok Contributor
Novità
Style / febbraio 03, 2020
Danielle Rines, Reebok Editorial
Distortedd mette l'anima nella sua arte
Training / febbraio 03, 2020
Rozalynn S. Frazier, Reebok Contributor
Fare allenamento quando si sta male...sì o no?
/ gennaio 10, 2020
Kristen Geil, Reebok Contributor
Le tendenze nel Fitness, dal 2010 al 2019 e cosa ci aspetta nel nuovo decennio.