alert-erroralert-infoalert-successalert-warningarrow-left-longbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkusp-deliveryusp-free-returnsarrow-backarrow-downarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
Style / dicembre 2019
Danielle Rines, Reebok Editorial

Charli Cohen sta creando una moda senza limiti

La fashion designer spiega perché la moda tecnica e una ribellione educata sono la strada giusta da seguire.

Riuscire a lanciare un brand di moda all'età di quindici anni è sicuramente una mossa coraggiosa. Ma quando la creatività prende il sopravvento, alcune persone riescono a trasformare la loro intuizione in realtà. Questo è esattamente quello che ha fatto Charli Cohen. Ha seguito la sua passione e l'istinto per creare, detto con parole sue, il suo brand di abbigliamento tecnico nato dalla necessità, nell'ambito della moda, di una linea apparel all'avanguardia.
 
“Sono una persona determinata e impaziente, quindi ho deciso di realizzare il mio progetto senza perdere tempo. La mia famiglia ha un background imprenditoriale e sono cresciuta con questo tipo di mentalità."
 
Ci sono voluti un paio d'anni affinché l'identità del suo brand prendesse forma ma è sempre stata sicura di una cosa: lo stile e la funzionalità devono andare di pari passo e la tecnologia performance avanzata deve essere un must dell'apparel moderno.
 
 
“La moda tecnica, dal mio punto di vista, è un modo di fare moda senza limiti. È la versione avanzata dei modelli che vorresti indossare. Si tende a pensare all'activewear e allo sportswear come a un settore distinto dal design predefinito, invece credo che l'abbigliamento tecnico non debba essere associato a una certo tipo di estetica.
 
Reebok è abituata a fondere il fashion e la funzionalità, e il modello Metreon rispecchia alla perfezione il design ethos di Cohen. La scarpa è caratterizzata da un look audace con intersuola con tecnologia foam ultra reattiva per affrontare al meglio le superfici dure e si adatta perfettamente a uno stile di vita attivo. 
 
“Sono nata negli anni ‘90, periodo in cui spopolava la sneaker dal design chunky, quindi dal punto di vista dell'estetica la silhouette Metreon rievoca il trend di quegli anni. Inoltre la scarpa offre un comfort totale così, alla fine di una lunga giornata, i miei piedi non saranno distrutti. Questa è una valutazione importante la mattina quando decido come vestirmi.
 
 
Il sito webdel brand di Cohen, in cui si legge ‘Future | Designed for the Restless’ vuole essere una fonte d'ispirazione continua. Questo obiettivo viene raggiunto attraverso i loro design sempre molto innovativi, dando valore alla sostenibilità e alla trasparenza prima di tutto. 
 
“Vogliamo incoraggiare questa ribellione educata in un certo senso. Come possono le persone fare dei cambiamenti senza far troppo rumore, se non si è consapevoli della motivazione dietro agli eventi? Vogliamo esprimere questo concetto attraverso i modelli, la storia e l'ispirazione alla base della collezione, i contenuti che creiamo e gli individui che supportiamo. I nostri design sono pensati per dare più grinta a chi li indossa ma vogliamo infondere questa forza anche alle persone con cui lavoriamo in ogni fase del processo creativo."
 
 
Quando si parla del ruolo della moda tecnica nel settore, Cohen pensa che questi modelli siano davvero unici per come fanno sentire chi li indossa, per la loro estetica e per gli elementi tecnici innovativi.
 
“Con il progresso effettuato nell'ambito dei tessuti e del design, è davvero possibile creare qualcosa di confortevole, pratico sostenibile e duraturo fondendo funzionalità e lifestyle. Perché, in quanto designer, NON dovresti scegliere un progetto che racchiude in sé tutte queste caratteristiche? Essere definiti da ciò che indossiamo ormai appartiene al passato e ci sono già abbastanza limiti imposti su di noi dalla società."
Style / dicembre 2019
Danielle Rines, Reebok Editorial