alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkusp-deliveryusp-free-returnsarrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
Style / gennaio 2019
Danielle Rines, Reebok

Kabrina Adams, fondatrice di Skate Kitchen, ama vivere secondo le sue regole

La maggior parte dei giovani tra i venti e i trent'anni si impegna anima e corpo a ricercare le proprie passioni. Kabrina Adams (nota anche come Moonbear), invece, è spudoratamente sé stessa e approfitta di tutto ciò che la vita le offre fidandosi ciecamente del proprio istinto. 

 

Come membro fondatore della crew newyorkese di skateboard al femminile  Skate Kitchen   (di recente protagonista in un film), Adams sfida lo status quo e smonta gli stereotipi di genere in uno spazio dominato dagli uomini.

 

Per lei, lo skateboard è molto di più di un mezzo di trasporto. È una cultura, un modo di vivere, una via di fuga dalla frenetica atmosfera della città.

  KabrinaHero


“Finché sarò in grado di camminare e di usare le gambe, avrò sempre uno skateboard con me. Mi piace andare lungo la Broadway alle cinque del mattino. Non ci sono auto, non c'è quasi nessuno, e io posso sfrecciare sul mio skate senza mai fermarmi. Posso stare in mezzo alla strada e provare senso di libertà assoluta.”

 

Kabrina non ha solo fondato Skate Kitchen: è videomaker, attrice, DJ ed è attivista dell'accettazione del proprio corpo e della positività. Rifiuta con forza di essere etichettata, definita in una categoria: utilizza molti modi per esprimersi e rimanere anticonvenzionale e creativa.

 

Per questo, nel suo ultimo photoshoot per Reebok indossa le Reebok Classic Pyro, rilanciate di recente. Le Pyro sono sneaker che negli anni '90 precorrevano i tempi, e si distinguevano per la loro tecnologia innovativa e il design classico. Quelli erano anni in cui l'espressione e l'esplorazione di sé erano la norma, quindi abbinarli a Kabrina è stato naturale in quanto lei è davvero autentica, coraggiosa e fedele a sé stessa. Kabrina è determinata, libera, non conosce inibizioni e vuole rimanere così il più possibile, cercando di essere sempre presente e nel momento.

Kabrina2

"Penso che ognuno dovrebbe fare ciò che vuole, perché la vita è una sola."

 

Kabrina ritiene che fare la DJ sia per lei un'opportunità per entrare in contatto con gli altri, e che questo le dia forza in un modo diverso.

 

"Provo una grande sicurezza in me stessa quando faccio la DJ. C'è qualcosa di profondo nel far muovere una folla tutta insieme. Non tutti lo riescono a fare, penso sia una sensazione fantastica".

Kabrina3


E non scandalizzarti quando scopri che Kabrina va in giro per la città con una giacca in stile rétro e... niente sotto. Kabrina è una sostenitrice delle donne, una che parla con passione della necessità di essere orgogliose del proprio corpo. Kabrina ha avviato un movimento,
e condivide la sua visione sul suo sito web, 
Free My Boobs.  Nei suoi post parla dell'importanza di tutto questo per lei e incoraggia le donne ad accettare chi sono e di farne motivo d'orgoglio.

 

"Con gli adesivi sui capezzoli io voglio rendere normale andare in giro con le tette al vento. Non penso sia un problema. Se vuoi fare qualcosa di folle e pensi di poterlo fare probabilmente lo farai, perché credi in te stessa".

 

Se Kabrina ha già riscosso così tanto successo nonostante la giovane età, ritiene di avere ancora molto da conquistare e non le sono mancate difficoltà e momenti duri lungo il percorso. Usa questi ricordi come momenti di lezione per alimentare la forza che la spinge a crescere, scacciando i timori di quello che il domani può portare.

 

"Ho ricavato molta forza da un sacco di fallimenti, è così che si impara. Quando sbaglio, penso semplicemente di non avercela ancora fatta, quindi mi rimetto in piedi e vado dritta verso l'obiettivo".

 

La storia di Kabrina Adams ti ha ispirata? Twittalo su @ReebokClassic!

 

Per maggiori i nformazioni sulle Pyro, clicca qui.

Style / gennaio 2019
Danielle Rines, Reebok