alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkusp-deliveryusp-free-returnsarrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
Combat / agosto 2016
Danielle Rines, Global Newsroom

Il 'Like' più importante è quello davanti allo specchio

Ti sei mai guardata allo specchio desiderando di essere diversa? Non sei sola. Capita a tutte.

Alle ragazzine si insegna che "la bellezza è negli occhi di chi guarda". Purtroppo oggi molte donne, anche atlete professioniste, non credono più a questo detto.

"Tutte vogliamo sentirci belle e a nostro agio, ma c'è una grossa differenza tra cercare questo piacere per soddisfare noi stesse e cercare di apparire sempre perfette per gli altri" dice la ex Fittest Woman on Earth, Camille Leblanc-Bazinet.

Nell'era dei social media, per una donna diventa sempre più difficile piacersi così come si vede allo specchio, sentirsi sicura di sè.

Diciamocelo, i social media non favoriscono certo l'autostima e la positività.

Abbiamo chiesto a Bazinet se subisce la pressione dell'apparenza social: "Onestamente voglio che la gente mi veda così come sono, sana e forte. È proprio per questo che posto foto dove non sono sempre perfetta, anzi spesso sono distrutta."

L'icona UFCRonda Rousey, esposta ogni giorno a critiche sul suo aspetto fisico, utilizza i canali social per cercare di cambiare le aspettative che spesso gravano sulle donne.

“Non nascondo mai difetti e imperfezioni, anzi: spesso esco senza trucco perchè mi piace così. Non cerco di sembrare perfetta in ogni occasione. Voglio essere me stessa, questo è il mio obiettivo”. 

Rousey è il volto della nuova campagna Reebok #PerfectNever, in onore dell'emancipazione femminile. La campagna vuole, inoltre, sottolineare il fatto che l'immagine e la bellezza del proprio corpo è un tema caro a tutte le donne, anche alle atlete professioniste.

"Mentirei se dicessi che non curo il mio aspetto esteriore" dice Lindy Barber, membro del Fittest Team on Earth 2016,CrossFit Mayhem.

E poi aggiunge, "Detesto dover sempre stare attenta che quello che metto stia bene, sia abbinato con il resto dell'outfit. Non posso non guardarmi allo specchio prima di uscire, ecco."

Le critiche della community online rischiano di aggravare le insicurezze personali; allo stesso tempo però, il fitness si rivela un ottimo rimedio per migliorare l'autostima. Ashley Horner, Trainer ReebokOne, ama il suo mestiere proprio perchè le permette di ispirare ogni giorno giovani donne a migliorarsi e a piacersi grazie al tough fitness.

"Le donne sono spesso quelle più intimorite dalla palestra" dice Horner. "Riuscire ad accompagnarle in questa sfida e superare con loro ogni piccolo ostacolo è davvero una conquista per me. Vederle ogni giorno più sicure e più motivate è la mia più grande soddisfazione".

Anche Ronda Rousey si dice fiera del suo ruolo di modello per molte donne. Sono tantissime infatti le sportive che si ispirano a lei per onorare ogni giorno il proprio corpo.

"Molte donne sentono la pressione di dover soddisfare le aspettative di tutti, sempre. Credo che sia importante dare loro un esempio di diversità, qualcuno che rompa gli schemi: non puoi piacere a tutti e nonostante questo la vita continua, quindi ama e stima te stessa, sempre”.

Grazie alle donne e alle atlete più coraggiose che affrontano questo tema apertamente, il dialogo sull'aspetto femminile e gli stereotipi di bellezza può continuare ed evolversi. Nella speranza che in futuro ogni donna possa sentirsi bella e sicura di sè in ogni situazione.

Usa l'hashtag #PerfectNever per raccontarci la tua sfida quotidiana agli stereotipi di bellezza sui social media.

Combat / agosto 2016
Danielle Rines, Global Newsroom