alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkusp-deliveryusp-free-returnsarrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
Combat / giugno 2016
Blair Hammond, Senior Manager, Global Newsroom

Social media: le atlete dicono NO allo stereotipo della donna perfetta

Sui social ci sono 39 milioni di foto con hashtag #perfect mentre solo 10 milioni con l’hashtag #real. Facile dunque dedurre quali siano le aspettative e gli standard della società attuale.

All’epoca dei social media la donna non ha scusanti, deve apparire sempre al top: bellissima, entusiasta, sorridente... insomma perfetta.

perfect never social emily 2

Tuttavia, nel panorama sportivo, atleti ed esperti fitness hanno cominciato a sensibilizzare i propri follower al tema, screditando i modelli irreali proposti dai media, in particolare per le donne.

“La perfezione non esiste; le persone che credono il contrario non faranno altro che inseguire un’utopia che non raggiungeranno mai”, dice Emily Skye, fitness celebrity e atleta Reebok.  “Bisogna accettarlo, nessuno è perfetto”. 

Emily oggi ha fiducia in se stessa, ma non è sempre stato così: da ragazzina la ricerca della perfezione l’aveva portata alla depressione. È stato il fitness a salvarla.

“Ho capito che dovevo rimettermi in piedi da sola, darmi un obiettivo e impegnarmi al massimo per raggiungerlo”, racconta. “Ho scelto un approccio totale che comprendesse un’alimentazione sana, molta attività fisica ma anche un’attitudine positiva e la compagnia di persone interessanti e stimolanti”.

perfect never social cami 1

A tutte le donne che si trovano in una situazione di difficoltà simile, Skye consiglia di tenere sempre a mente che gli stereotipi e gli stili di vita ostentati sui social media spesso non corrispondono alla realtà. “Ricordiamoci sempre che ciò che facciamo e condividiamo ha delle conseguenze sulle vite delle persone che ci circondano”, dice Emily.

L’ex Fittest Woman on Earth™ Camille Leblanc-Bazinet lo sa bene e se lo ricorda sempre quando condivide contenuti con i propri fan.

“Non a caso, non posto mai foto dove sono impeccabile, anzi! Posto video e immagini dove sono distrutta, voglio che la gente vede la vera me”, dice Leblanc-Bazinet, atleta Reebok CrossFit, tra le più seguite sui social nel mondo sportivo.

“Lo standard di bellezza diffuso oggi è totalmente sbagliato” continua Camille. “Una persona bella è una persona sana, che dà il proprio contribuito per creare un mondo migliore. Chiunque abbia una forte passione: una dottoressa, una stilista creativa, queste sono per me le persone davvero belle”.

perfect never social ronda 1

Anche Ronda Rousey, atleta UFC, non è certo una che si tira indietro quando si tratta di mettere in mostra le proprie imperfezioni sui social. 

“Non nascondo mai difetti e imperfezioni, anzi: esco senza trucco perchè mi piace così. Non cerco di sembrare perfetta in ogni occasione. Voglio essere me stessa, questo è il mio vero obiettivo”. 

Combat / giugno 2016
Blair Hammond, Senior Manager, Global Newsroom