alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkusp-deliveryusp-free-returnsarrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
Running / aprile 2016

Simone Spirito e Ivana Virgilio del team Reebok OCR ci raccontano la loro passione per le Obstacle Race!

Simone Spirito e Ivana Virgilio del team Reebok OCR ci raccontano la loro passione per le Obstacle Race!

Hai tanto sentito parlare di Spartan Race, Mud Race, Obstacle Race ma non hai mai provato a correrne una, la curiosità però c'è e il pensiero di provare a rotolarti nel fango, di buttarti in pozze d'acqua fredda e di superare ostacoli tra un km e l'altro si fa sempre più vivo. Cosa aspetti allora? L'intervista a Simone e Ivana del team Reebok OCR ti darà la carica per iscriverti alla tua prima Spartan Race! La seconda tappa italiana è proprio alle porte, l'11 Giugno ti aspettiamo al Crossodromo Ciglione della Malpensa!

Iniziamo a conoscere i nostri atleti, passiamo la parola a Simone Spirito.

NOME E COGNOME: Simone Spirito

PROFESSIONE: Laureato in Tecniche ortopediche (Laurea triennale ) nel 2013 

SEGNI PARTICOLARI: nessuno

3 AGGETTIVI PER DESCRIVERTI: Determinato, estroverso, "organizzatore" (amo programmare gli impegni e ricercare la soluzione più efficiente in ogni situazione)

LA TUA PIU’ GRANDE PASSIONE: Banalmente, lo sport! Sin da piccolo cimentarmi in attività fisiche mi ha sempre reso felice e dato una carica indescrivibile!

LA TUA PRIMA OBSTACLE RACE, COSA TI HA SPINTO A FARLA? La voglia di riscattarmi. Dopo un periodo in cui non mi sentivo più me stesso, ho deciso che questa tipologia di sport fosse il perfetto slancio per la mia rinascita!

PERCHE’ NON HAI PIU’ SMESSO? Sapete perchè? Perchè ogni volta che arrivo sulla linea della partenza è come se si oscurasse la mente, tutto ciò che è fuori dal percorso scompare. Ci sono solo io e gli ostacoli che mi trovo di fronte, ogni avversità non sarà mai troppo forte rispetto alla voglia che ho di superarla, ogni dolore ritarda a comparire (ripresentandosi però a fine gara) e una scarica di adrenalina ti pervade dall'inizio alla fine... un'emozione impagabile !

ALLENAMENTI SETTIMANALI: Nel periodo di preparazione intenso seguo un programma di corsa per 5 giorni settimanali: due allenamenti veri e propri con sedute di potenziamento, variazione di velocità e ripetute, due giorni di corsa di recupero ed un giorno di lungo.

OLTRE ALLA CORSA COME TI ALLENI: Abbinato a questo programma seguo i corsi Les Mills Body Pump e Cx Work, abbinato all'allenamento funzionale.

L’OSTACOLO SPARTAN RACE PIU' AMATO: Sicuramente la corda ed il multi bar sono spettacolari sia per chi li esegue sia per il pubblico.

L’OSTACOLO SPARTAN RACE PIU' ODIATO: Il lancio del giavellotto è sicuramente il re tra questi ma ho lavorato molto per migliorare grazie ai miei amici, nella prossima gara vedremo se saranno burpees o meno!

L’OUTFIT PERFETTO PER CORRERE LE OBSATCLE RACE: Sono una persona molto 'minimal' nelle corse, sicuramente un abbigliamento compression, come quello fornito da Reebok è perfetto poichè drenante e fornisce lo scudo di una seconda pelle, ma l'elemento fondamentale è la scarpa giusta! Avendo provato diversi modelli, la scarpa migliore per distanze di breve e media lunghezza, è sicuramente la Reebok All Terrain 2.0, una scarpa studiata nel dettaglio, ultraleggera, con materiali drenanti per l'acqua, una suola a prova di grip anche sul fango con un inserto speciale laterale per salire la corda... cosa si può desiderare di più?

IL NEMICO NUMERO UNO DURANTE UNA GARA: La perdita di concentrazione. Molte volte un ostacolo viene superato brillantemente in allenamento ma non in gara poichè le variabili cambiano. La chiave è sicuramente rimanere concentrati.

COSA PROVI QUANDO PORTI A TERMINE UNA GARA: Penso che questo storia possa descrivere al meglio questa sensazione. Ho convinto un mio collega di lavoro a partecipare ad una Spartan, quando più tardi è uscito con gli amici ha tenuto al collo la medaglia appena conquistata per tutta la sera!

QUANTI BURPEES TI TOCCA FARE IN MEDIA AD OGNI GARA (magari neanche uno :-) : Fino a questo momento ad ogni giavellotto incontrato il tentativo si è trasformato in burpees, poi molto dipende dalle condizioni fangose degli ostacoli!

DICONO DI TE: sarebbe una domanda da porre a chi mi è intorno, sicuramente sono molto coinvolgente e cerco in ogni situazione di creare gruppo, per il resto non mi sbilancio - ahahah

#BEMOREHUMAN, COS’E’ PER TE, COME LO VIVI QUOTIDIANAMENTE: #bemorehuman significa vivere nel benessere di ciò che ami, trovare un equilibrio interiore con attività che rendono la tua vita libera da pressioni e permette di raggiungere una condizione fisica, mentale e sociale unica!

MANTRA PERSONALE: Il motto che mi accompagna sempre è: "Come se non ci fosse un domani!" Più che in gara, in ogni allenamento, perchè è lì che si conquistano le medaglie e ci si migliora!

Ora tocca a Ivana Virgilio

NOME: Ivana

COGNOME: Virgilio

PROFESSIONE: Market Developer per Coca Cola Italia

SEGNI PARTICOLARI: 7 tatuaggi, 1 piercing e la giusta dose di follia

3 AGGETTIVI PER DESCRIVERTI: perseverante, ironica, coinvolgente

LA TUA PIU’ GRANDE PASSIONE: le Spartan Race, che domande :)

LA TUA PRIMA OBSTACLE RACE, COSA TI HA SPINTO A FARLA? Guardando video su Youtube mi sono imbattuta in quello di una Spartan Race ed è stato amore a prima vista, travolgente e senza mezzi termini. Mi sono informata ed iscritta alla mia prima gara: SPARTAN RACE ORTE 2015

PERCHE' NON HAI PIU’ SMESSO? Perché? In queste gare (prima durante e dopo) c’è tutto quello che amo. Adoro l’adrenalina, le grandi sfide e gli allenamenti duri. Mi piace avere degli obiettivi e perseguirli e grazie a questi migliorare sia a livello sportivo che come persona. Trovo stimolante confrontarmi con altri sportivi che hanno i miei stessi “sogni”.

ALLENAMENTI SETTIMANALI: Dipende dalle gare ma generalmente sono almeno 5.

OLTRE ALLA CORSA COME TI ALLENI: Un obstacle racer dev’essere forte come un powerlifter, veloce come uno sprinter, resistente come un maratoneta..ed il tutto senza compromettere l’agilità. Devi  cercare di preparare il tuo corpo ad affrontare molteplici difficoltà e stress. Per cui, oltre alla corsa, tanto impegno e dedizione e via libera ad allenamento funzionale, pesi, Crossfit, biciletta, nuoto. Ma non dimentichiamoci della testa: anche quella va allenata ad andare avanti e a superare difficoltà e fatica, a gestire imprevisti ed a trovare energia e motivazione anche quando sembra non ce ne sia più. Il detto vuole che “se la testa va il corpo segue”… per cui ;-)

L’OSTACOLO SPARTAN RACE PIU’ AMATO: Hercules Hoist

L’OSTACOLO SPARTAN RACE PIU’ ODIATO: Balance

L’OUTFIT PERFETTO PER CORRERE LE OBSATCLE RACE: Tessuto tecnico a compressione e scarpe drenanti con grip per fango. Personalmente corro rigorosamente a gambe coperte (a Milano 2015 mi sono sfregiata) per cui sono d’obbligo pantaloni lunghi (meglio se compression). Le spalle devono essere libere per cui magliettina tecnica smanicata.

IL NEMICO NUMERO UNO DURANTE UNA GARA: Il tempo: corre sempre più veloce!

COSA PROVI QUANDO PORTI A TERMINE UNA GARA: beh dipende da com’è andata! In ogni caso c’è sempre la soddisfazione di aver superato un’altra sfida e la voglia di prepararne un'altra.

QUANTI BURPEES TI TOCCA FARE IN MEDIA AD OGNI GARA (magari neanche uno): In media? Beh la Trifecta Winter la fa alzare parecchi, generalmente 60-90!

DICONO DI TE: che sono instancabile e perseverante

#BEMOREHUMAN, COS’E’ PER TE, COME LO VIVI QUOTIDIANAMENTE: BeMoreHuman significa andare oltre i propri limiti, sfidarsi e superarsi! Nello sport così come nella piccole grandi battaglie di tutti i giorni mi impegno per dare il meglio di me e andare sempre un gradino più su. E’ dura ma nei momenti più difficili basta girarmi ad osservare tutti i gradini che mi sono lasciata alle spalle per ritrovare lo slancio per continuare a salire.

MANTRA PERSONALE: Uno solo? No dai concedimene almeno 3…

1) “Carpe Diem” (il mio primo tatuaggio);

2) Gutta Cavat Lapidem (uno dei prossimi tatuaggi),

3) “La perfezione non esiste ma, perseguendola costantemente, si può raggiungere l’eccellenza!”

E ora tocca a te, cosa aspetti? 

Ci vediamo l'11 Giugno alla Reebok Spartan Race di Milano-Malpensa!

#BeMoreHuman

Running / aprile 2016