alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkusp-deliveryusp-free-returnsarrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
CrossFit® / gennaio 2016
Robin Runyan, Contributor

Allenarsi per i Reebok CrossFit Games Open 2016

La stagione dei CrossFit Games è dietro l'angolo, manca pochissimo al grande inizio: si parte il 25 febbraio con i Reebok CrossFit Games 2016. Qualunque sia il tuo livello o obiettivo, che tu stia provando ad eseguire il tuo primo double under o che tu voglia classificarti più in alto dello scorso anno, gli Open sono un'occasione unica per mettere alla prova le tue capacità fisiche ma anche mentali. Ecco qualche consiglio per iniziare alla grande l'allenamento per il 2016.

Affronta le tue debolezze

Immagina l'annuncio del workout 16.1. Immagina Dave Castro che descrive i dettagli del workout, ci sono esercizi che temi? Qualcosa che speri davvero di non dover fare? Se hai una risposta a questa domanda, allora conosci già i tuoi punti deboli. Secondo Conor Murphy, coach Reebok CrossFit ONE, "Riuscire ad affrontare le proprie debolezze è difficile perché mette a disagio. D'altronde però è necessario". Ma perché - perché insistere con le attività che ci creano problemi, quando potremmo investire tempo per migliorare ulteriormente i nostri punti di forza? Secondo Murphy, il fondatore e CEO di CrossFit Greg Glassman lo esprime meglio di chiunque altro quando dice: "Il beneficio è maggiore e le proprie capacità di sopravvivenza ai game, ad ogni missione e alla vita di ogni giorno sono più alte quando ci concentriamo maggiormente sui nostri punti deboli, piuttosto che quando trascorriamo altro tempo a migliorare i nostri punti di forza".  Siamo atleti CrossFit, abituati ad affrontare ogni giorno prove imprevedibili. Quando ci si aspetta di tutto, nulla può fare paura. 

Ascolta il tuo coach

Se vuoi individuare i tuoi punti di forza e le tue debolezze, nessuno è più indicato del tuo coach per darti consigli a riguardo. "Ogni atleta deve essere affiancato da un coach", dice Murphy. "Il coach è quella persona che grazie alla sua prospettiva esterna riesce a indicarti quali sono i punti deboli su cui lavorare di più. È il suo compito". Sulla base dei tuoi obiettivi per gli Open -  che si tratti di eseguire il tuo primo muscle up, arrivare tra i primi 100 nella tua regione o classificarti nuovamente ai Regionals - il coach può aiutarti a studiare un programma di allenamento adeguato al tuo obiettivo.

crossfit open partner 2

Prova i workout delle edizioni passate degli Open

Ogni atleta CrossFit utilizza dei workout di riferimento per misurare i propri progressi, i workout degli Open sono un ottimo esempio.  Ogni anno, CrossFit HQ mette alla prova gli atleti con nuovi workout e nuove prove. Allenarsi svolgendo i workout degli Open degli anni precedenti è un ottimo metodo di valutazione dei propri progressi nel corso dell'anno. 

È inoltre l'occasione ideale per allenarsi svolgendo i movimenti standard, sempre presenti nei workout degli Open. Ricorda, l'allenamento migliore è quello svolto in presenza di un giudice, che sia un coach o un altro atleta che si alleni con te. È meglio ricevere critiche sul tuo handstand push-up adesso, piuttosto che durante il workout 16.1. Ogni ostacolo o difficoltà che incontri deve servirti come motivazione ulteriore durante l'allenamento.

Aumenta l'intensità del tuo allenamento

Molti atleti fanno l'errore di aumentare il volume degli allenamenti che precedono gli Open. Secondo il Coach Murphy, invece, bisognerebbe aumentare l'intensità del training. Sappiamo bene che, generalmente, i workout degli Open sono più brevi. Di conseguenza è evidente che l'intensità è la determinante del successo.

Murphys inoltre ritiene che per gli atleti potrebbe essere molto svantaggioso non praticare i workout propostida CrossFit.com almeno tre volte a settimana - in particolare per coloro che aspirano a qualificarsi ai Regionals o ai Games". Murphy si allena nel box Reebok CrossFit ONE con diversi atleti dei Games - Spencer Hendel, Austin Malleolo, James Hobart - e ognuno di loro integra i WOD proposti dal sito nel proprio programma di allenamento. Loro sì che sono un ottimo esempio da seguire. Inoltre, è proprio da CrossFit HQ che arrivano gli WOD degli Open; quindi praticare i WOD proposti dal sito ufficiale come preparazione potrebbe facilmente portarvi al successo.

crossfit open conor murphy lift 3

Adegua la tua alimentazione

Se passi più tempo in palestra, i tuoi muscoli avranno bisogno di più cibo e tempo per recuperare le forze. Capire quali proteine o carboidrati funzionano meglio per te è un primo passo importante per migliorare le tue performance. "L'alimentazione è alla base della gerarchia CrossFit", dice Murphy. "Una corretta alimentazione è un fattore determinante per avere successo in gara, soprattutto quando ti trovi a sfidare atleti allenati quanto te ma non così attenti alla loro dieta".

Il workout 16.1 sarà annunciato il 25 febbraio 2016. Con il giusto programma di allenamento e una corretta alimentazione, sarai pronto a sfoggiare la tua migliore performance in una delle gare CrossFit più importanti al mondo. Anche se forse il fattore cruciale è la forza di volontà. Murphy consiglia di non farsi influenzare da quello che fanno gli altri ma di concentrarsi esclusivamente sul proprio allenamento e dare il massimo. "Soprattutto, non dimenticare di divertirti e ricorda che lo scopo di tutti noi è tenerci in forma e sentirci meglio con il nostro corpo". 

CrossFit® / gennaio 2016
Robin Runyan, Contributor